FEDERICA CERVINI

Vedi tutti i suoi post
Vedi tutti

Ultime recensioni inserite

Le segnatrici

Questo thriller prende le mosse da una tradizione / leggenda diffusa nelle valli dell'Appenino in Emilia Romagna - mi sono talmente incuriosita da essere andata a cercare informazioni nel web sulle SEGNATRICI che sono state dal MedioEvo in sù (ed anche ora) delle guaritrici, sciamane, spesso in passato solo donne considerate streghe o pazze.
Donne a cui il passaparola da parte delle più anziane insegna le parole ed i gesti che curano.
Il romanzo è davvero appassionante e la "leggenda" intriga; Sara incontra casualmente una bimba, Rebecca, che le "segna" un taglietto sulla mano curandola - e da lì in avanti Sara è in debito con la piccola segnatrice, le deve qualcosa in cambio.
Così quando Rebecca scompare, Sara sente la necessità di aiutare gli abitanti di Borgo Cardo a cercarla e salvarla.

"La bambina sa che quello è il momento più importante della sua vita. Sta per curare qualcuno per la prima volta e non importa che sia una persona o un animale. Poi potrà dire alla nonne ed agli amici che è una segnatrice come Leonilda e le altre. Che sa riconoscere e scacciare il male".

"Tornerai a trovarmi? - La vocina di Rebecca mi fece bloccare sulla porta. Mi aveva segnato e si dà sempre qualcosa in cambio, lo sanno tutti: ma non avevo niente da poterle donare e mi sembrava sconveniente tirare fuori dei soldi.
Ma si dà sempre qualcosa in cambio.
E lei mi aveva appena chiesto di tornare. Era quella la sua ricompensa. Rivedermi".

Le imperfette - Federica De Paolis

Molto bello!
I personaggi sono ben descritti e la trama mi ha appassionata fino in fondo.

"Madri, mogli, sorelle, amanti, professioniste, alcune benestanti altre meno. Erano sempre in affanno, fuori fuoco, come se non riuscissero a stare dietro a tutto. Sì, erano imperfette, come le chiamava suo marito, ma non perchè desiderassero correggere un difetto o perchè sperassero di prolungare la giovinezza, piuttosto perchè ambivano ad una completezza irraggiungibile".

Anime trasparenti - Daniele Bresciani

Questo è un romanzo bellissimo che mi ha fatto in più occasioni emozionare - già avevo letto Daniele Bresciani e ribadisco qui che è un autore davvero pieno di talento.
L'indagine dell'ispettore Miranda è delicatissima e drammatica e di lui non ci si può non innamorare; la vicenda ruota attorno ad un particolare asilo ed a tutti i personaggi che per motivi diversi lo frequentano.

"Gloria le svelò il suo piano. Aprire un asilo per figli di immigrati irregolari, donne e uomini senza permesso di soggiorno che non si fidavano a iscrivere i propri bambini alle strutture ufficiali: anche se la legge tutela i minori e assicura loro il diritto all'istruzione, era inevitabile che i genitori temessero in quel modo di venire allo scoperto e di essere presto o tardi rispediti al loro paese. In quel luogo non ci sarebbero stati vincoli di razza o religione: piccoli sudamericani avrebbero convissuto con bambini africani, asiatici o dell'Europa orientale. Sarebbe stata una zona franca, senza divisioni, muri e rivalità tra bande.
"A questi bambini" aveva detto Gloria "viene inculcata prima di tutto la necessità di rendersi invisibili. Devono fare in modo che nessuno si accorga di loro, Sono anime trasparenti. Qui dentro potranno tornare a essere quello che sono: bambini".

Io sono l'altra - Cathleen Schine

Mi ha sempre incuriosita capire il particolare legame che esiste fra i gemelli; sulla base di questo, mi sono lasciata attrarre dalla sinossi del libro e dalla bella foto di copertina .. ma la vicenda delle 2 gemelle non mi è poi piaciuta granchè ho trovato questo romanzo un pò noioso per la verità.

"Le gemelle non litigavano soltanto con Brian o con lo zio Don. Bisticciavano tra loro ogni giorno. E ogni notte dormivano nello stesso letto. I loro genitori avevano preso due letti singoli, ma al mattino trovavano regolarmente le bambine abbracciate nello stesso letto.
"Si chiamano letti singoli" spiegava la loro madre. "Due letti separati per due persone separate".
Ma loro insistettero a dormire insieme fino alle medie. Finchè una sera Laurel disse:"Penso che stanotte dormirò nel mio letto".

Finché il caffè è caldo - Toshikazu Kawaguchi

Questo romanzo è dolcissimo, è una favola deliziosa e ci vedrei bene la possibilità di trarne un film.

"Qualunque cosa farai, il presente non cambierà comunque (...) anche se torni nel passato e dici cosa provi al tuo... ehm fidanzato partito per l'America...".
"Anche se gli dico cosa provo...?".
"Il presente non cambierà comunque (...) non cambierà il fatto che sia partito per l'America".

L'incanto del pesce luna - Ade Zeno

Romanzo un pò horror un pò visionario, sembra la trama di un fumetto di Dylan Dog o un romanzo di Morozzi - mi è piaciuto molto, peccato sia così breve!

"Mi sembra fin troppo qualificato per questo tipo di ruolo, si era fatto scappare sfogliando il curriculum (...) è proprio sicuro di volerlo fare?
Se fossi certo di non volerlo, glielo direi.
Qui non si tratta di leggere dispense o scrivere tesine Dovrà presiedere cerimonie per funerali laici.
Sì, mi sembra chiaro.
Significa che passerà le giornate tra bare e gente che piange. Alla lunga può risultare triste.
Più triste di un'aula universitaria?
La morte non è uno scherzo.
Neanche la vita, se è per questo."

Ragazzo divora universo - Trent Dalton

Romanzo bellissimo ambientato a Brisbane (finalmente un grande autore australiano!), così poetico e crudo che mi ha fatto piangere in moltissime pagine.
E' una storia di profondi sentimenti positivi, pure nelle brutture che ogni giorno Eli e August sono costretti a vivere, tra violenza e droga.

"Amo sinceramente Slim, perchè lui ama sinceramente August e me. Nella sua giovinezza Slim era duro e freddo. Con l'età si è ammorbidito. Slim si preoccupa sempre di August e di me, di come stiamo e di come cresciamo. Gli voglio molto bene perchè cerca di convincerci che quando la mamma e Lyle stanno via così a lungo come adesso sono al cinema e non, in realtà, a spacciare l'eroina comprata dai ristoratori vietnamiti."

Una nuova vita

Una piacevole lettura, un romanzo toccante e ben scritto in cui si parla della complicità tra donne e di quanto le donne possano appoggiarsi le une alle altre nei momenti di maggiore difficoltà.

La libreria dei sogni sospesi - Emily Blaine

Piacevole e divertente storia d'amore ambientata fra i libri: è il tipico romanzo da leggere sotto l'ombrellone d'estate, o in poltrona con una tazza di tea caldo a disposizione in inverno. E la protagonista Sarah mi assomiglia un sacco!

"Prediligevo jeans e magliette, i miei capelli si asciugavano al vento e non mi truccavo. La mia vita era la libreria. Pensavo ai libri in ogni momento della giornata ... e ne parlavo! Anche agli uomini che avrebbero potuto piacermi. E questo mi trasformava subito in una persona triste, maldestra ed insipida".

La casa dei Gunner

Bellissima storia di un'amicizia!
Mi è piaciuto molto - uno di quei libri che quando arrivi all'ultima pagina senti già la mancanza dei personaggi protagonisti!

"Alice, Sally, Lynn, Jimmy e Sam avevano fatto amicizia con Mikey da piccoli, quando abitavano tutti nella stessa strada e cercavano tutti dei compagni di giochi e una scusa per allontanarsi da casa per un pò. I bambini avevano preso possesso di uno degli stabili abbandonati di Ingram Street e ne avevano fatto il loro punto d'incontro ufficiale; la cassetta delle lettere arrugginita, fissata sulla porta principale, recava la scritta THE GUNNERS.
(...) Da bambini, i Gunners non potevano immaginare che raggiunti i sedici anni una di loro avrebbe voltato le spalle agli altri e che il gruppo sarebbe rimasto talmente spaccato da quella perdita, da quell'improvvisa ed inspiegabile assenza, che nel giro di poche settimane anche le altre amicizie si sarebbero sciolte, gettando ciascuno dei membri in una solitudine buia e confusa".

La seconda vita di Missy Carmichael

Missy ha quasi 80 anni - è sola, i figli hanno seguito la propria strada e sono lontani.
Le sue giornate trascorrono in solitudine, ma a poco a poco Missy si lascia avvicinare da alcune donne che incontra casualmente al parco ... e la loro amicizia ed il loro calore la salveranno e le ridaranno la forza per affrontare la tristezza che la circonda in casa; è la sua seconda vita.
E' un romanzo tenerissimo!

"Non avevo ancora molto da ascrivere ad Alistair, ma almeno ero stata invitata a prendere un caffè e ci ero andata, in un certo senso. Un passetto per volta. Passi da vecchia signora. Anche se non sapevo esattamente verso dove".

Insegnami la tempesta - Emanuela Canepa

La vicenda ruota intorno a 3 donne, che dovrebbero essere legate ed invece sono lontane e rancorose l'una nei confronti dell'altra.
Sono Emma - una madre; Matilde - sua figlia; Irene - era la migliore amica di Emma in gioventù, poi è improvvisamente scomparsa per entrare in un convento di suore di clausura.
I rapporti sono tesissimi ma forse poi le 3 donne potranno riavvicinarsi e ricucirli.

"Emma ebbe paura. Non aveva le risorse per sopportare anche questo. Aprì la bocca per rispondere, e proprio allora Irene disse: "Matilde non voleva che ti chiamassi, ma le ho detto che questa è l'unica condizione che pongo perchè si fermi qui. Che tu sappia che sta bene, e che è con me".

Ho fatto la spia - Joyce Carol Oates

Violet Rue è l'ultimogenita di una numerosa famiglia americana - involontariamente svela il terribile crimine che 2 dei suoi fratelli maggiori hanno compiuto, ed a seguito dell' "aver fatto la spia" viene dai genitori cacciata di casa a soli 12 anni.
Racconta la sua toccante storia e le strazianti vicissitudini in cui incorre, giovanissima e sola - è un romanzo crudissimo e feroce.

"L'amnesia era un balsamo. L'amnesia è il grande balsamo della vita. Piangevo di gratitudine per quello che non ricordavo e che (agli occhi altrui) si confondeva con quello che avrei potuto ricordare".

La lettrice della stanza 128 - Cathy Bonidan

Breve e divertente romanzo in cui ogni capitolo è la trascrizione di una lettera inviata dalla protagonista a vari contatti (la sua migliore amica, l'autore del manoscritto ritrovato e numerosi altri personaggi che via via gravitano intorno al manoscritto stesso): Anne-Lise (la lettrice della stanza 128) trova casualmente un manoscritto in un cassetto della sua stanza d'albergo, ed incuriosita dall'avvincente trama del racconto si mette sulle tracce dell'autore che ha smarrito il manoscritto ben 30 anni prima a Montreal, ricostruendone il viaggio sino al ritrovamento oggi in Bretagna.

"Ecco quindi una storia a dir poco rocambolesca, fatta di così tanti imprevisti, grandi amori e occasioni mancate da dar vita ad un'opera imperdibile".

Vedi tutti

Ultimi post inseriti nel Forum

Nessun post ancora inserito nel Forum

I miei scaffali

Le mie ricerche salvate

Non vi sono ricerche pubbliche salvate