Siria mon amour
4 1
Materiale linguistico moderno

el-Nasif, Amani - Obber, Cristina <1964- >

Siria mon amour

Abstract: Amani è nata in Siria ma è cresciuta in Italia. Quando compie sedici anni, con una scusa, la madre la porta nel suo paese di origine per qualche giorno. Dopo i primi entusiasmi per un mondo diverso e affascinante, ricco di profumi e sapori nuovi, Amani scopre di essere stata in realtà fidanzata a un cugino, mai conosciuto e mai amato. Le dicono che in Italia non tornerà più. Amani si ribella a quel fidanzamento e a quell'uomo, pagando un prezzo molto alto, in una realtà dura e violenta dove le donne non sono che oggetti sotto la tutela dei maschi. Lontana dalle sue amiche e da Andrea, il suo ragazzo, Amani resisterà e lotterà fino a riprendersi la sua vita.


Titolo e contributi: Siria mon amour / Amani el Nasif, Cristina Obber

Pubblicazione: Milano : Piemme freeway, 2013

Descrizione fisica: 166 p. ; 21 cm

Serie: Piemme freeway

ISBN: 978-88-566-2873-9

Data:2013

Lingua: Italiano (lingua del testo, colonna sonora, ecc.), Italiano (lingua dell'opera originale)

Paese: Italia

Nomi:

Soggetti:

Classi: 305.42092 Gruppi sociali. Donne. Funzione e status sociale delle donne. Persone associate al soggetto. (19)

Dati generali (100)
  • Tipo di data: monografia edita in un solo anno
  • Data di pubblicazione: 2013
  • Target: giovani, età 16-19
Testi (105)
  • Genere: fiction

Sono presenti 4 copie, di cui 0 in prestito.

Biblioteca Collocazione Barcode Stato Prestabilità Rientra
Biblioteca Sormani SOR 892 5N NASI 731196 Su scaffale Prestabile
Biblioteca Tibaldi TIB 892 5N NASI TG130587 Su scaffale Prestabile
Biblioteca Gallaratese GAL 305.42 NASI TG164624 Su scaffale Prestabile
Biblioteca Villapizzone VIL 305.42 NASI TD914248 Su scaffale Prestabile
Vedi tutti

Ultime recensioni inserite

“Sono 70 milioni le spose bambine nel mondo che prima dei 18 anni sono costrette a subire un matrimonio forzato”.
Libro letto in un solo pomeriggio, con la rabbia che scorre nelle vene, perché quello che leggi appartiene ad una realtà talmente distante dalla tua, che spesso sei costretta a rileggere alcune frasi per essere certa di aver capito bene.
“Nief, in qualità di promesso sposo, aveva acquistato su di me un potere riconosciutogli da tutta la comunità. Anche quello di picchiarmi. Mi stava sempre appiccicato, mi seguiva ovunque, era un tormento. Sotto i baffetti appena accennati il suo sarcasmo trapelava in un sorriso abbozzato e volgare.Un giorno sono uscita in cortile per prendere un po’ d’aria e me lo sono trovato di fronte appostato da chissà quanto. “Dobbiamo parlare” ha detto. “Non voglio parlarti, non ti sposerò, mai! Mai! “ Era il mio promesso sposo. Mi ha dato un calcio e qualche pugno. Sono finita a terra. Si è tolto il berim e lo ha usato su di me. Nessuno è intervenuto. Nessuno interviene mai. I litigi delle coppie finiscono così nel villaggio di Al Karatz. Poi la donna obbedisce e tutto torna come prima. Io però ho reagito, ho calciato, l’ho graffiato in volto. “Non ti sposerò mai, mai! Solo morta, solo morta! Per lui è stato un affronto inaccettabile. Nei giorni successivi tutti lo prendevano in giro per quei segni sul viso e questo lo ha incattivito ancora di più. Non vedeva l’ora di punirmi. Sarà per questo che un sabato pomeriggio me ne ha date il triplo”.

Codice da incorporare

Copia e incolla sul tuo sito il codice HTML qui sotto.