Un morto ogni tanto
4 1
Materiale linguistico moderno

Borrometi, Paolo

Un morto ogni tanto

Titolo e contributi: Un morto ogni tanto : la mia battaglia contro la mafia invisibile / Paolo Borrometi

Pubblicazione: Milano : Solferino, 2018

Descrizione fisica: 264 p. ; 22 cm

ISBN: 9788828200710

EAN: 9788828200710

Data:2018

Lingua: Italiano (lingua del testo, colonna sonora, ecc.)

Paese: Italia

Serie: Saggi

Nomi:

Soggetti:

Classi: 364.10609458 CRIMINE ORGANIZZATO. Sicilia (20)

Dati generali (100)
  • Tipo di data: monografia edita in un solo anno
  • Data di pubblicazione: 2018
Testi (105)
  • Genere: testo non letterario

Sono presenti 7 copie, di cui 0 in prestito.

Biblioteca Collocazione Barcode Stato Prestabilità Rientra
Biblioteca Sormani GEN L 79474 T2333074 In deposito Prestabile
Biblioteca Fra Cristoforo FRA 364.106 BORR T2311392 Su scaffale Prestabile
Biblioteca Chiesa Rossa CHI 364.106 BORR T2758058 Su scaffale Prestabile
Biblioteca Accursio ACC 364.106 BORR T2312267 Su scaffale Prestabile
Biblioteca Cassina Anna CAS 364.106 BORR T2261590 Su scaffale Prestabile
Biblioteca Crescenzago CRE 364.106 BORR T2261591 Su scaffale Prestabile
Biblioteca Vigentina VIG 364.106 BORR T2311393 Su scaffale Prestabile
Vedi tutti

Ultime recensioni inserite

Eh già! E' proprio una battaglia quella dell'autore, armato solo di penna, deve combattere per raccontare la mafia oggi. Come spesso accade però, la luce che si accende in una stanza buia, da fastidio, così fastidio che l'autore,dopo le minacce, il pestaggio e il furto in casa, è stato costretto a vivere sotto scorta.
E' un libro che va letto con calma, soprattutto se si entra in un contesto poco conosciuto (unica mia magrissima consolazione era conoscere il nome Santapaola, tutti gli altri nomi menzionati per me erano emeriti sconosciuti), però il modo semplice e chiaro di raccontare gli eventi fanno si che pian pianino si inizi ad entrare nel contesto che si sta leggendo e a capire questa o quella situazione. Inutile raccontare il mio sconcerto e incredulità nel leggere certe cose, ma proprio perchè di certe cose non se ne parla o se ne parla poco si rimane increduli.
Bellissimo l'epilogo, rivolto ai ragazzi, affinchè si rendano conto che a morire di mafia ci sono anche coloro che chiudono gli occhi e si rassegnano a vivere in un contesto simile.
So che l'autore gira le scuole e sono più che certa che lascerà tanti semi che prima o poi germoglieranno.

Codice da incorporare

Copia e incolla sul tuo sito il codice HTML qui sotto.