Resoconto
0 1
Materiale linguistico moderno

Cusk, Rachel

Resoconto

Titolo e contributi: Resoconto / Rachel Cusk ; traduzione di Anna Nadotti

Pubblicazione: Torino : Einaudi, 2018

Descrizione fisica: 185 p. ; 22 cm

ISBN: 9788806236564

Data:2018

Lingua: Italiano (lingua del testo, colonna sonora, ecc.)

Paese: Italia

Nomi:

Classi: Narrativa (0) 823.92 NARRATIVA INGLESE, 2000- (23)

Dati generali (100)
  • Tipo di data: monografia edita in un solo anno
  • Data di pubblicazione: 2018
Testi (105)
  • Genere: fiction

Sono presenti 13 copie, di cui 5 in prestito.

Biblioteca Collocazione Barcode Stato Prestabilità Rientra
Biblioteca Sormani GEN L 77077 T2263109 In deposito Prestabile
Biblioteca Tibaldi TIB 823 N CUSK T2262856 Su scaffale Prestabile
Biblioteca Venezia VEN 823 N CUSK T2308023 In prestito 14/05/2021
Biblioteca Oglio OGL 823 N CUSK T2377927 Su scaffale Prestabile
Biblioteca Parco Sempione PAR 823 N CUSK T2377928 Su scaffale Prestabile
Biblioteca Affori AFF 823 N CUSK T2253099 In prestito 21/04/2021
Biblioteca Accursio ACC 823 N CUSK T2377921 Su scaffale Prestabile
Biblioteca Cassina Anna CAS 823 N CUSK T2377923 Su scaffale Prestabile
Biblioteca Niguarda NIG 823 N CUSK T2340298 In prestito 24/04/2021
Biblioteca Dergano Bovisa DER 823 N CUSK T2377925 In prestito 14/05/2021
Biblioteca Gallaratese GAL 823 N CUSK T2308022 Su scaffale Prestabile
Biblioteca Sicilia SIC 823 N CUSK T2432962 In prestito 28/04/2021
Biblioteca Zara ZAR 823 N CUSK T2377930 Su scaffale Prestabile
Vedi tutti

Ultime recensioni inserite

A leggere in giro, dopo "Resoconto" l’idea che avevamo del romanzo non sarà più la stessa. Si esagera, ovvio. Ciò non toglie che questo sia un gioiellino e che faccia a meno di un bel po’ di cose finora date per scontato.
La prima a cui ho pensato è che manca il concetto classico di azione/reazione. Leggere di “qualcosa” e immaginare che porterà a “qualcos’altro”, in modo tale che il romanzo abbia un suo movimento. È una mancanza almeno inizialmente spaesante.
Manca la caratterizzazione della protagonista.
Manca un inizio che metta in luce un obiettivo o quello che dovrebbe essere il motore della storia. Sappiamo solo che chi parla sta per prendere un aereo per Atene, dove terrà un seminario di scrittura.
Manca una struttura. Quasi sempre un romanzo è fatto di momenti basilari di trama a cui se ne aggiungono altri di congiunzione, in cui prendono vita i personaggi secondari. In Resoconto l’impressione è che esistano quasi esclusivamente i secondi, in capitoli dilatati e ricchi.
Manca uno svolgimento e, manco a dirlo, un finale.

È scritto in prima persona ma la protagonista non dice nulla di sé. Tutto il romanzo è fatto di incontri e conversazioni, con vecchi amici o sconosciuti. Lei (Faye) interviene raramente, più che altro ascolta e fa da cassa di risonanza, è un registratore acceso a catturare parole, attento ma non-giudicante.
Ed è notevole la quantità di storie che questo libro contiene: quelle del vicino, di Ryan, Paniotis, Angeliki, Melete, Anne e degli studenti del seminario. Ognuno con una sua forma di precarietà/instabilità.
In molte sono presenti figli e matrimoni fallimentari in sequenza, che evidenziano un “prima” e un “dopo” nelle vite di chi parla.
Alla fine mi sembra un libro che indaga il mondo reale e ingarbugliato delle relazioni umane, il modo che abbiamo di rielaborare il vissuto, tra armature che saltano e momenti da salvare.
Il mare e il caldo estivo di Atene sono ben presenti e rendono l’atmosfera ovattata. Molto consigliato.
[78/100]

Codice da incorporare

Copia e incolla sul tuo sito il codice HTML qui sotto.