I fiori nascosti nei libri
4 1
Risorsa locale

Montemurro, Silvia

I fiori nascosti nei libri

Abstract: I fiori che nascondiamo nei libri sono i segreti che non riusciamo più a raccontare. Rimangono anni, tra le pagine, in attesa che qualcuno porti alla luce la nostra vera storia. Chiara è una giovane e promettente stilista che vive a Firenze. Quando il direttore di un hotel di lusso di Sankt Moritz la invita a organizzare una sfilata per i suoi ospiti, si sente baciata dalla fortuna. Così si mette in viaggio, ma per una bufera di neve arrivare a destinazione diventa impossibile. Alla dogana le consigliano di fermarsi a Villa Garbald, dove Chiara arriva e incontra prima il vecchio custode, Arold, e poi il figlio, Thomas. Entrambi sembrano turbati dalla sua presenza, forse per via della straordinaria somiglianza tra Chiara e la donna di un ritratto appeso in uno dei corridoi, che misteriosamente nottetempo svanisce. Il dipinto ritrae Irena, una ragazza polacca che, per sfuggire alla Seconda guerra mondiale, si è finta cittadina svizzera ed è stata accolta da un'amica della madre a Villa Garbald: lì, insieme ad altre giovani di buona famiglia, impara l'arte della tessitura e conosce Toni, un contrabbandiere. E il loro sarà un incontro che le cambierà per sempre la vita. Silvia Montemurro ci racconta di due donne lontane nel tempo e nello spazio ma legate da un unico destino e compone, tassello dopo tassello, una narrazione appassionante, che ci fa assaporare appieno il potere dei sentimenti, la magia dell'amore, la potenza delle storie.


Titolo e contributi: I fiori nascosti nei libri

Pubblicazione: Rizzoli, 28/01/2020

EAN: 9788817144377

Data:28-01-2020

Nota:
  • Lingua: italiano
  • Formato: EPUB con DRM Adobe

Nomi:

Dati generali (100)
  • Tipo di data: data di dettaglio
  • Data di pubblicazione: 28-01-2020

I fiori che nascondiamo nei libri sono i segreti che non riusciamo più a raccontare. Rimangono anni, tra le pagine, in attesa che qualcuno porti alla luce la nostra vera storia. Chiara è una giovane e promettente stilista che vive a Firenze. Quando il direttore di un hotel di lusso di Sankt Moritz la invita a organizzare una sfilata per i suoi ospiti, si sente baciata dalla fortuna. Così si mette in viaggio, ma per una bufera di neve arrivare a destinazione diventa impossibile. Alla dogana le consigliano di fermarsi a Villa Garbald, dove Chiara arriva e incontra prima il vecchio custode, Arold, e poi il figlio, Thomas. Entrambi sembrano turbati dalla sua presenza, forse per via della straordinaria somiglianza tra Chiara e la donna di un ritratto appeso in uno dei corridoi, che misteriosamente nottetempo svanisce. Il dipinto ritrae Irena, una ragazza polacca che, per sfuggire alla Seconda guerra mondiale, si è finta cittadina svizzera ed è stata accolta da un'amica della madre a Villa Garbald: lì, insieme ad altre giovani di buona famiglia, impara l'arte della tessitura e conosce Toni, un contrabbandiere. E il loro sarà un incontro che le cambierà per sempre la vita. Silvia Montemurro ci racconta di due donne lontane nel tempo e nello spazio ma legate da un unico destino e compone, tassello dopo tassello, una narrazione appassionante, che ci fa assaporare appieno il potere dei sentimenti, la magia dell'amore, la potenza delle storie.

Vedi tutti

Ultime recensioni inserite

"Qualsiasi cosa ti succederà nella vita, non devi arrenderti. L'iris ti aiuterà a ricordarti che quando tutto si fa grigio, prima o poi da qualche parte spunterà l'arcobaleno. "
Questa è una delle frasi che mi hanno colpita di più. A dispetto del titolo mai avrei immaginato di leggere una storia simile, che mi ha catturato dalle prime pagine. L'ho letto tutto d'un fiato, ho gioito, mi sono commossa, ho urlato di rabbia, ed alla fine mi è pure dispiaciuto essere arrivata alla fine di questo bellissimo viaggio.
E' una storia diversa dal solito, perchè è vero che passato e presente si mescolano molto bene, ma le storie che si intrecciano sono tante ed ognuna ha un suo epilogo e spesso non è quello che avremmo immaginato, anzi sicuramente non è quello che io avrei immaginato. Diciamo che l'autrice è stata brava nel rappresentare al meglio la realtà dei fatti e a darne una giusta conclusione.
Un libro che si legge tutto d'un fiato e che per un attimo ti fa fare un bel salto nel passato, in una Cracovia a te sconosciuta. Sì siamo nella Cracovia alle porte della seconda guerra mondiale!

Codice da incorporare

Copia e incolla sul tuo sito il codice HTML qui sotto.