I bambini di Svevia
3 1
Risorsa locale

Casagrande, Romina

I bambini di Svevia

Abstract: "Stupendo, dal titolo fino all'ultima parola. Una storia di libertà selvaggia e di coraggio salvifico. Un romanzo che ha anche il pregio di portare alla luce una storia vera sconosciuta ai più, e lo fa con una scrittura raffinata e piena di grazia."Ilaria Tuti""I bambini di Svevia" di Romina Casagrande narra questa storia sconosciuta ai più attraverso l'appassionante vicenda di una di queste bambine, Edna."Famiglia Cristiana"Una storia di sradicamento, fatiche e lontananze che fa luce su un fenomeno della nostra storia poco noto, ma che ha lasciato un segno profondo."la Lettura - Corriere della sera"Una storia dimenticata, nascosta. Romina Casagrande nel suo romanzo d'esordio ci fa scoprire l'epopea sconosciuta dei bambini di Svevia."Elle"Romina Casagrande restituisce una memoria ai bambini che tra il Settecento e i primi del Novecento venivano venduti dalle loro famiglie ai contadini tedeschi."Corriere della seraUn romanzo che dà voce a una pagina dimenticata della nostra storia. Una protagonista alla ricerca dell'unica verità che può salvarla.Farò di tutto per mantenere la nostra promessa. Perché non è bastata una vita per dimenticare. Protetta dalle mura di una casa nascosta dal rampicante, Edna aspetta un segno. Da sempre sogna il giorno in cui potrà mantenere la parola data. L'unico a farle compagnia è Emil, un pappagallo dalle grandi ali blu. Non le è mai servito altro. Fino a quando una notizia la costringe a uscire dall'ombra e a mettersi in viaggio. È arrivato il momento di tener fede a una promessa a lungo disattesa. Una promessa che lega il suo destino a quello dell'amico Jacob, che non vede da quando erano bambini. Da quando, come migliaia di coetanei, furono costretti ad affrontare un terribile viaggio a piedi attraverso le montagne per raggiungere le fattorie dell'Alta Svevia ed essere venduti nei mercati del bestiame. Scappati dalla povertà, credevano di trovare prati verdi e tavole imbandite, e invece non ebbero che duro lavoro e un tozzo di pane. Li chiamavano "bambini di Svevia". In quel presente così infausto, Edna scoprì una luce: Jacob. La loro amicizia è viva nel suo cuore, così come i fantasmi di cui non ha mai parlato. Ma ora che ha ritrovato Jacob, è tempo di saldare il suo debito e di raccontare all'amico d'infanzia l'unica verità in grado di salvarli. Per riuscirci, Edna deve tornare dove tutto ha avuto inizio per capire se è possibile perdonarsi e ricominciare. Lungo antiche strade romane e sentieri dei pellegrini, ogni passo condurrà Edna a riscoprire la sorpresa della vita, ma al contempo la avvicinerà a un passato minaccioso. Perché anche la fiaba più bella nasconde una cupa, insidiosa verità. I bambini di Svevia è un romanzo indimenticabile. Per la capacità di leggere l'animo umano con profondità ed empatia. Per il coraggio di far luce su un capitolo poco conosciuto della storia italiana, quello dei bambini che, per tre secoli e fino alla seconda guerra mondiale, venivano venduti dalle famiglie per lavorare nelle fattorie dell'Alta Svevia. Per la protagonista, Edna, un personaggio vivido e coinvolgente. Una storia che è un tuffo in un mondo in cui la natura dice più delle parole e in un passato dimenticato che chiedeva di essere raccontato.


Titolo e contributi: I bambini di Svevia

Pubblicazione: Garzanti, 09/01/2020

EAN: 9788811609988

Data:09-01-2020

Nota:
  • Lingua: italiano
  • Formato: PDF/EPUB con DRM Adobe

Nomi:

Dati generali (100)
  • Tipo di data: data di dettaglio
  • Data di pubblicazione: 09-01-2020

"Stupendo, dal titolo fino all'ultima parola. Una storia di libertà selvaggia e di coraggio salvifico. Un romanzo che ha anche il pregio di portare alla luce una storia vera sconosciuta ai più, e lo fa con una scrittura raffinata e piena di grazia."Ilaria Tuti""I bambini di Svevia" di Romina Casagrande narra questa storia sconosciuta ai più attraverso l'appassionante vicenda di una di queste bambine, Edna."Famiglia Cristiana"Una storia di sradicamento, fatiche e lontananze che fa luce su un fenomeno della nostra storia poco noto, ma che ha lasciato un segno profondo."la Lettura - Corriere della sera"Una storia dimenticata, nascosta. Romina Casagrande nel suo romanzo d'esordio ci fa scoprire l'epopea sconosciuta dei bambini di Svevia."Elle"Romina Casagrande restituisce una memoria ai bambini che tra il Settecento e i primi del Novecento venivano venduti dalle loro famiglie ai contadini tedeschi."Corriere della seraUn romanzo che dà voce a una pagina dimenticata della nostra storia. Una protagonista alla ricerca dell'unica verità che può salvarla.Farò di tutto per mantenere la nostra promessa. Perché non è bastata una vita per dimenticare. Protetta dalle mura di una casa nascosta dal rampicante, Edna aspetta un segno. Da sempre sogna il giorno in cui potrà mantenere la parola data. L'unico a farle compagnia è Emil, un pappagallo dalle grandi ali blu. Non le è mai servito altro. Fino a quando una notizia la costringe a uscire dall'ombra e a mettersi in viaggio. È arrivato il momento di tener fede a una promessa a lungo disattesa. Una promessa che lega il suo destino a quello dell'amico Jacob, che non vede da quando erano bambini. Da quando, come migliaia di coetanei, furono costretti ad affrontare un terribile viaggio a piedi attraverso le montagne per raggiungere le fattorie dell'Alta Svevia ed essere venduti nei mercati del bestiame. Scappati dalla povertà, credevano di trovare prati verdi e tavole imbandite, e invece non ebbero che duro lavoro e un tozzo di pane. Li chiamavano "bambini di Svevia". In quel presente così infausto, Edna scoprì una luce: Jacob. La loro amicizia è viva nel suo cuore, così come i fantasmi di cui non ha mai parlato. Ma ora che ha ritrovato Jacob, è tempo di saldare il suo debito e di raccontare all'amico d'infanzia l'unica verità in grado di salvarli. Per riuscirci, Edna deve tornare dove tutto ha avuto inizio per capire se è possibile perdonarsi e ricominciare. Lungo antiche strade romane e sentieri dei pellegrini, ogni passo condurrà Edna a riscoprire la sorpresa della vita, ma al contempo la avvicinerà a un passato minaccioso. Perché anche la fiaba più bella nasconde una cupa, insidiosa verità. I bambini di Svevia è un romanzo indimenticabile. Per la capacità di leggere l'animo umano con profondità ed empatia. Per il coraggio di far luce su un capitolo poco conosciuto della storia italiana, quello dei bambini che, per tre secoli e fino alla seconda guerra mondiale, venivano venduti dalle famiglie per lavorare nelle fattorie dell'Alta Svevia. Per la protagonista, Edna, un personaggio vivido e coinvolgente. Una storia che è un tuffo in un mondo in cui la natura dice più delle parole e in un passato dimenticato che chiedeva di essere raccontato.

Vedi tutti

Ultime recensioni inserite

Ma quanti sono i pezzi di storia non raccontati o dei quali si sa molto poco? Penso molti ed è proprio grazie all'autrice che veniamo catapultati in un'epoca a noi giovani sconosciuta. Sì, perchè la nostra generazione con i suoi agi e comfort fatica a credere che in passato ci sono stati genitori talmente poveri da vendere i propri figli ai ricchi contadini in cambio di un po' di soldi. Bambini che venivano sfruttati, che vivevano in condizioni troppo dure per la loro tenera età e dove spesso le violenze erano all'ordine del giorno. Edna ormai novantenne, decide di ripercorrere quel viaggio per raggiungere Jacob e sarà un viaggio fatto di ricordi, di incontri, di scoperte, di speranze e di delusioni. Eppure la voglia di arrivare alla meta è talmente tanta che Edna continua a camminare, incontrando persone che l'aiuteranno e che le lasceranno qualcosa. Accanto a lei troviamo l'amica di sempre Adele ed il pappagallo Emil, personaggio buffo che da un po' di colore alla storia. Finisci di leggere il libro con la consapevolezza che difficilmente dimenticherai questa storia e tutti i suoi personaggi.

Codice da incorporare

Copia e incolla sul tuo sito il codice HTML qui sotto.