Forum » Recensioni

L'atelier dei miracoli
4 1
Tong Cuong, Valérie

L'atelier dei miracoli

[Milano] : Salani, 2014

Abstract: Ci sono momenti, nella vita di una persona, in cui sembra che nulla vada come deve andare. Eppure anche in questi momenti rimane, sottile come un velo, un'insopprimibile voglia di felicità, la sensazione di avere comunque il diritto a una porzione di serenità, la speranza lieve ma tenace di trovare, là fuori, qualcuno che possa aiutarti. Così accade anche ai protagonisti di questo romanzo, due donne e un uomo sull'orlo di un baratro, ai quali un incontro fortuito sembra aprire uno squarcio nel buio... È vero, la salvezza può arrivare nelle maniere e dalle persone più impensate, e il confronto con i propri fantasmi e con lo spregiudicato Jean, che aiuta le persone uscite dalle crisi a reinserirsi nella società nel suo atelier dei miracoli, potrà aiutare Mariette, Millie e Mike a risollevarsi. Ma quanto si mescolano, nella vita reale, il Bene e il Male? Dov'è il confine? Chi non ha mai incontrato una persona che l'aiuta ma, al tempo stesso, lo manipola? Un romanzo sulla complessità dei rapporti umani, sull'altruismo disinteressato, ma anche su ciò che ciascuno di noi possiede, e che appare quando la vita prende una direzione inaspettata.

217 Visite, 1 Messaggi
Utente 10581
505 posts

A volte penso proprio che siano i libri a sceglierci e questo, trovato su una bancarella, ha attirato subito la mia attenzione. Colpita dalla copertina e dal titolo non ho esitato a comperarlo, senza neppure leggerne la trama. L'ho letto in un pomeriggio ed ora che l'ho finito sento già che i personaggi mi mancheranno tantissimo. I protagonisti sono tre e ognuno di loro ha alle spalle situazioni diverse. Millie, sopravvissuta ad un incendio dove però sono morti i suoi fratelli, che decide di inventarsi un'identità, credendo che così facendo sia più facile ricominciare; il signor Mike, un barbone di strada che viene brutalmente picchiato da una banda di teppisti; Mariette insegnante e moglie frustrata; Jean il proprietario dell'Atelier e Sylvie la sua segretaria.
Ma in questo Atelier avvengono veramente dei miracoli? Ma soprattutto come mai Jean si affanna tanto per cercare di aiutare queste persone? Lo si scopre leggendo il libro dove verità e menzogna, lealtà e slealtà, passato e presente si intrecciano fino ad arrivare alla conclusione finale.

"Ricordati che a volte è difficile riconoscere l'illusione..."
"Ricordati che a volte è salutare ascoltare il proprio istinto"

  • «
  • 1
  • »

1780 Messaggi in 1615 Discussioni di 140 utenti

Attualmente online: Ci sono 19 utenti online