Forum » Recensioni

La leggenda di Earthsea
5 1
Le_Guin, Ursula K.

La leggenda di Earthsea

[Milano] : Nord, 2007

Abstract: Earthsea, il mondo dei grandi arcipelaghi e degli immensi oceani, l'universo lontano dove la magia è ancora potente, la terra misteriosa in cui uomini e draghi hanno convissuto e dove, secondo una leggenda, un mago sconfiggerà le forze del male per riportare l'Equilibrio della vita. A Gont, una delle isole di Earthsea, vive un giovane pastore, Ged, il quale, grazie ai suoi starordinari poteri, conquista il privilegio di diventare apprendista dei grandi maghi dell'Arcipelago. Il ragazzo, che assume il nome di Sparviero, è destinato a essere un grande domatore di draghi ma è altresì consumato dal desiderio di imparare troppo in fretta. L'uso poco saggio dei suoi poteri aprirà dunque uno spiraglio nel mondo dei defunti e farà comparire l'Ombra della sua stessa morte, che cercherà di afferrarlo nella propria morsa e di annientarlo. In un unico volume i cinque romanzi che compongono la Saga di Earthsea, rappresentazione del drammatico confronto tra le forze della luce e quelle delle tenebre.

13 Visite, 1 Messaggi
Utente 35548
40 posts

Intima Earthsea

La prima impressione è stata particolare, sembrava quasi che la Le Guin avesse deciso di sedersi di fronte e raccontarmi di Earthsea... quasi come in quelle famiglie dove qualche adulto raduna i bambini e comincia a parlare di eventi lontani, riuscendo a creare un’atmosfera più evocativa della storia stessa; impressione nata sicuramente dal tipo di narrazione dell’autrice, che sceglie di raccontare più che mostrare quel che avviene nel suo mondo. Soluzione che spesso mi porta alla noia durante una lettura, ma che qui, tra le isole di Earthsea, ha un profumo diverso, quasi di fresco.
A rapirmi è stata la tranquillità che governa la scrittura in ogni momento, la delicatezza che pervade alcune situazioni e la capacità della Le Guin di infondere spessore a momenti apparentemente fugaci, momenti che è meglio vivere con la calma piuttosto che con la fretta di voltare pagina... per non perdere gran parte del respiro che alimenta le parole. Con la sua narrazione, questa autrice è riuscita a penetrare laddove spesso mi areno.

La saga ha un ritmo lento e posato, privo di particolari colpi di scena e con un'azione circoscritta. Ursula lo fa con grazia e con uno stile ipnotico che seduce il me lettore, in punta di piedi: riesce a farmi sentire il silenzio della vastità di Earthsea. Uno stile impregnato di movenze orientali, così come lo spirito che alberga tra quelle isole.
Mi ha affascinato.

  • «
  • 1
  • »

1120 Messaggi in 1010 Discussioni di 97 utenti

Attualmente online: Ci sono 3 utenti online